lunedì 11 aprile 2016

Nella fisica Multidimensionale TUTTO può essere cambiato!.



Chi vibra a un livello più elevato vivrà più a lungo! È fisica! È la fisica della coscienza!
L’idea che l’energia possa creare e influenzare i fenomeni ha radici antiche. Nel corso della storia, molte culture hanno tratto benefici attingendo a diverse forme di energia e lavorando con esse. Per migliaia di anni in Cina hanno praticato Qi Gong e Tai Chi muovendo la propria energia per migliorare la salute e accedere a profondi stati di rilassamento. Solo negli ultimi tempi l’idea che sia possibile lavorare con l’energia è arrivata anche in Occidente e chi ha potuto sperimentare il suo immenso potere, si è presto reso conto che non c’è in sostanza alcun limite alla propria e piena realizzazione. Creare la vita che si desidera, dipende, quindi, dal livello della frequenza vibrazionale di ognuno di noi. Le nostre vibrazioni possono anche essere misurate con uno strumento testato in numerose ricerche: la “Scala della Frequenza Energetica”.
La fisica quantistica ha dimostrato che ogni cosa ha una propria frequenza vibratoria, anche a livello atomico e subatomico. I più recenti studi sulla coscienza hanno dimostrato che a ciascun’emozione umana corrisponde una determinata frequenza vibratoria che crea una vera e propria Scala Emotiva Vibrazionale. Ogni emozione ha quindi un proprio campo magnetico, esattamente come avviene per qualsiasi oggetto materiale. Emozioni negative e pesanti come Paura, Rabbia, o Vergogna vibrano a frequenze molto basse, mentre emozioni positive come Amore, Gioia o Pace vibrano velocemente e creano frequenze alte e leggere. (Web)

Fondersi con la vera fisica
“Voglio parlare di uno dei vostri scienziati famosi: Einstein. In realtà Einstein bisticciò con i fisici quantistici negli ultimi anni. Einstein era più empirico, non credeva nei potenziali. Tuttavia, quest’uomo fu il primo fisico quantistico. Ciò che fece fu mostrarvi che qualcosa che pensavate essere assolutamente stazionario, empirico e non cambiabile era cambiabile! Dunque, in fisica, soprattutto in ciò in cui vi muovete e che chiamate realtà, per voi, esistono certe cose che si comportano in certi modi e non sono cambiabili, non possono esserlo: non sarebbe la vostra realtà, se dovessero cambiare. Poi arrivò Einstein e vi dimostrò che una delle cose più stazionarie in cui credevate, dal punto di vista planetario, era cambiabile. Quando Einstein mostrò la sua teoria della relatività, riguardava il tempo; riguardava qualcosa di tanto empirico, tanto stazionario per voi da poterlo misurare fino ai nanosecondi. Avete elaborato come tagliare il tempo in modi così precisi da sapere assolutamente, da un suo frammento, che ora è, perché il tempo non cambia mai… ma lui l’ha fatto. Einstein ha presentato una cosa che adesso rivolterò e vi mostrerò che vi appartiene. Egli postulò che se un uomo fosse su una nave spaziale e rimanesse fuori forse un anno, andando alla velocità della luce, quando ritornasse sul pianeta, sarebbe invecchiato di un anno e il pianeta sarebbe invecchiato molto più di lui. Quindi, andando a grandissima velocità, costui avrebbe rallentato il suo tempo relativamente al luogo dal quale era partito.
Questo riscrisse interamente l’idea di che, qualcosa che pensavate non sarebbe mai cambiato era variabile. Ora, voglio che vi soffermiate proprio qui: questa è fisica quantistica perché riscriverà quello che pensate che non possa essere cambiato.                                                                                                                                         
 Torniamo alla relazione fra la velocità e il tempo. Nelle tre dimensioni, nel processo di pensiero che avete, e persino in quattro dimensioni, linearizzate tutto. Dev’essere così per voi, deve aver senso per l’essere umano. Perciò, per voi, la velocità è definita come la quantità di tempo fra certi punti. Sapete già che se guidate un’auto veloce, la durata fra A e B sarà più breve. Per un aeroplano sarà ancor molto più breve. Più velocemente andate, più breve è la durata. E ogni volta che menzionate la velocità, vi riferite a una linea retta.
Bene. Ora, lasciate che vi dia qualcosa che chiamo “logica laterale”. Potreste andare alla stessa velocità in un cerchio? La risposta è sì. Ignorate quella che pensate essere la forza centrifuga, che non è definita correttamente: se doveste muovervi lungo un cerchio anziché lungo una linea retta, potreste ugualmente essere veloci? Ovviamente! Allora, muoviamoci ora molto velocemente lungo un cerchio anziché in linea retta: mantenendo quest’immagine in mente, cominciate a rimpicciolire il cerchio, rimpicciolitelo e rimpicciolitelo finché il cerchio diventa la vostra struttura cellulare.
Avete udito più volte l’espressione “vibrare a un livello più alto”. Per voi una vibrazione è un’oscillazione, un movimento avanti e indietro; ma non è bene così, se tratta di un cerchio! Voi vibrate in un cerchio e in quest’energia che diventa multidimensionale, la vostra struttura cellulare accelera. Cominciate a farvene un quadro?
Che cosa succederebbe se la vostra struttura cellulare cominciasse ad accelerare molto di più di quella di altri? Usando la teoria della relatività nella sua forma più pura, ignorando alcuni dei limiti di velocità che Einstein pose, riuscirete a vedere che sarebbe possibile rallentare il vostro orologio biologico, mentre tutti intorno a voi vanno più velocemente. Questo risulta in una vita assai più lunga. Vi ho appena dato la ragione quantistica per la quale un’anima che vibra a un livello più elevato vivrà più a lungo: è perché cambiate il tempo mediante la vostra coscienza. Ora, l’ho fatto perché possiate riferirvi a ciò che già sapete, così che non sia una qualche “alta” idea metafisica che non ha alcun radicamento. Einstein ve l’ha mostrato, ma voi lo fate a livello cellulare.
Vi darò un’informazione che non ho mai rivelato prima d’ora e che sarà sul pianeta e conosciuta breve.
Gli inventori stanno cominciando a muoversi in una realtà multidimensionale; anche se non lo sanno ancora, stanno cominciando a usare alcuni principi che sono multidimensionali. Ora, lasciate che vi dia un paradigma al quale siete abituati ed è questo: ogni cosa che funziona, che è meccanica, deve avere una fonte di energia che in realtà si rappresenta col fuoco: ci dev’essere del fuoco; spesso è necessario in forma di vapore o in altra forma allo scopo di propellere qualcosa. Il fuoco equivale alla luce; equivale a far funzionare un computer; il fuoco equivale a questo o a quello… Il tutto si riconduce agli elementi del pianeta che fanno da carburante per qualcosa che avete creato.
Ora, diventerete davvero bravi nell’usare in modo efficiente il fuoco - questa è una metafora, - ma deve pur sempre avere una fonte di energia. Il paradigma, quindi, che vi darò è che in 3D, per avere qualcosa che possa apparire come energia, dovete avere ciò che in qualche modo la avvii, poco o tanto: questo è il paradigma delle tre dimensioni. Deve provenire da qualcosa che è davanti a voi allo scopo di svilupparlo in qualcos’altro.
L’energia quantistica non è lineare. Eccovi un assioma che i fisici quantistici e gli inventori sapranno: per avere energia quantistica, per lavorare con essa, per svilupparla, per usarla, ci dev’essere una fonte quantistica. Punto. Non potete produrre energia quantistica o costruire una qualunque cosa usandola senza una fonte che sia simile alla quantisticità. Ora, se vi dicessi che non ha bisogno di una fonte di energia, sbaglierei, ma lasciate che vi dica questo: non ha bisogno di una fonte di energia TRIDIMENSIONALE. Il termine “quantistico” nel modo in cui lo usiamo oggi significa “multidimensionale”. Non è la definizione standard di “quantistico” che darebbe la fisica. L’energia multidimensionale di qualunque forma che viene sviluppata su questo pianeta deve avere una fonte multidimensionale. Gli scienziati la chiameranno anche “energia tira-spingi (push-pull)” perché, quando si renderanno conto delle dinamiche della multidimensionalità, vedranno che funziona in modalità “tira-spingi”. Nella linearità, una sola fonte di energia semplicemente spinge in una sola direzione per alimentare qualcosa che poi fa qualcos’altro, non c’è un “tira-spingi”. L’energia più vicina al “tira-spingi” che avete fu sviluppata attraverso una mente quantistica ed è chiamata “corrente alternata”, ed è “tira-spingi”.
Considerate la relazione tra le fasi della corrente alternata e vedrete che è “tira-spingi”. Tesla lo sapeva, ma non era il momento giusto. Pertanto, un’energia quantistica ha bisogno di una fonte quantistica.
Ora, prima di affrontare il passo successivo, dove potreste ottenere un’energia quantistica? Se ci sono dei biologi quantistici, questo dice qualcosa a proposito della vostra biologia: e se fosse quantistica? Ci sono fonti quantistiche su tutto il pianeta. Alcune delle più grandi, in assoluto delle più abbondanti energie su questo pianeta sono lì, vi guardano e agiscono 24 ore al giorno e 7 giorni alla settimana e sono quantistiche. La gravità è quantistica; il magnetismo è quantistico; la luce è quantistica. Le fonti di energia quantistica e di sviluppo sono con questi tre, più uno: voi. Se avete una biologia quantistica, significa che potete fare cose quantistiche. La fonte, quindi, è dentro il vostro DNA.
Ora, questo è ciò che ha creato la possibilità per voi di vibrare più velocemente con la coscienza. Sappiate che se vibrate abbastanza velocemente e la vostra coscienza sia abbastanza alta, riuscirete a integrarvi con la Sorgente Creativa. Di conseguenza, il vostro DNA comincia a funzionare a livelli assai efficienti. E questo spiegherà una cosa abbastanza controversa. I maestri di questo pianeta controllavano la fisica; potevano trasformare una cosa in un’altra; sapevano lavorare con la forza-vita; potevano fare oggetti privi di massa, e potevano farlo perché erano “uno” con ciò che li circondava e avevano un DNA che vibrava velocemente a una frequenza elevata, anche a 90 anni. Il motore quantistico c’è già dentro di voi, e questo spiega perché questa nuova energia e il campo magnetico sono in grado di permettervi di andare più in là di quanto siate mai andati prima. Un motore quantistico, che è la vostra biologia, creerà un pensiero quantistico, invenzioni fondate su un modo di pensare più elevato perché penserete fuori dalle 3D. Molti di voi sopravvivranno alle vostre famiglie.
Cosa mete in moto il motore quantistico?
Se volessi compendiare questa porzione del messaggio, sarebbe così: qualunque cosa desideriate realizzare personalmente dentro di voi può esserlo, usando un motore quantistico che è già installato e in attesa di essere avviato. La coscienza del pensiero, le emozioni dell’amore, la benevolenza e la compassione sono catalizzatori del motore quantistico. Vorreste che lo dicessi ancora? Gli attributi dell’amore, della compassione e della benevolenza sono i catalizzatori del motore quantistico: è questo, che lo mette in moto! La paura lo fermerà! Il motore quantistico crea un essere umano che vibra a una frequenza più elevata. Proprio come dice Einstein, superate alcuni attributi della fisica a mano a mano che li conoscete, quando vibrate a una frequenza maggiore.
Lo sapevate che la malattia è una vibrazione più bassa? Lo sapevate che, se la vostra struttura cellulare vibra a una frequenza più alta, una malattia a una frequenza più bassa non può perdurare? Mi sto spiegando? È fisica! È la fisica della coscienza.
È interessante, nevvero, che di tutte le invenzioni che avrete in questi prossimi decenni, delle cose quantistiche che accadranno, quella che userete per prima è dentro di voi? Poiché dovete dare la spinta iniziale a questa allo scopo di avere le altre! Poiché queste deriveranno dal modo di pensare di una coscienza elevata, e questo creerà engrammi e strutture di pensiero che si connetteranno a una sorgente universale che vi darà la fisica perfetta, non la fisica limitata in cui vivete. Le invenzioni sono dentro di voi, in attesa di essere connesse alla Sorgente che le ha create.
Voglio darvi qualcosa su cui pensare, voglio dipingere un quadro di una sorgente quantistica che è dappertutto, su questo pianeta. Einstein vi ha mostrato che potete cambiare il tempo: era basilare, è stato provato. Vi dirò qualcosa: nella fisica vera – non una fisica limitata, non una fisica 3D – nella fisica vera… - siete pronti? - tutto può essere cambiato. È un sistema completo, bellissimo e variabile, che potete cambiare. Quando imparerete che cos’è e come usarlo, e svilupperete le invenzioni e le macchine - se vogliamo usare questo termine - avrete anche alcune altre rivelazioni. Le macchine potrebbero essere parzialmente biologiche… che ne pensate?
Lascerò, per ora, quest’argomento, ma voglio dirvi questo: che cosa vi dicono i fisici sulla materia? Vi dicono che è per lo più spazio, è vuota! Eccovi due esempi che vi darò fuori dalla scatola della vostra fisica limitata:
Qui avete un sasso, e il sasso ha una certa quantità di peso. Ha sempre lo stesso peso? Certo che sì, non potete cambiarlo: il sasso è il sasso. E se vi dicessi che potreste cambiarlo? Se entrate nel sasso, a un livello atomico,  sembra per lo più spazio vuoto; ci sono tantissime possibilità di cambiare la densità che fa sì che il sasso abbia il peso che ha. Miei cari, perché l’oro e il piombo di una certa misura pesano più di una pietra porosa, di una qualche altra pietra leggera o di una spugna? La risposta è: la densità! Se potete cambiare molecolarmente, atomicamente, la densità del sasso, potete cambiare il suo peso! Ora, se il sasso è soprattutto spazio, avete moltissime possibilità… se sapeste come farlo! Tesla lo fece. Quando vengono usate le energie quantistiche, potete cambiare le regole quantistiche! Se cambiaste la densità del sasso, potreste renderlo privo di massa, potreste farlo galleggiare nell’aria: questo è tutto ciò che dovete fare!
È semplicemente fisica variabile, che nella vostra scatola 3D non pensate di poter cambiare! Non penserete che Tesla non abbia saputo cambiare il tempo, vero? Tutto questo accadrà! Immaginate per un momento di poter cambiare il peso delle cose e di poterlo fare facilmente mediante una forza quantistica: non una grossa fonte energetica, dimenticatevelo! Quale forza potreste usare per cambiare la densità della materia? Voltiamo pagina.
Siete lì e avete qualcosa che vorrei faceste figurativamente in questo esempio. Voglio che per un momento facciate finta di avere davanti a voi un potentissimo magnete; in realtà non è un magnete, ma una coppia: il più e il meno. È uno di quei magneti speciali che è così difficile dividere in due perché il più e il meno sono allineati, quindi restano uniti. Non è neppure troppo grosso, infatti, non misura nemmeno cinque centimetri. Non c’è alcuna fonte energetica: si tratta semplicemente di due magneti ma estremamente forti. Sono densi, hanno le maggiori proprietà di magnetismo mai scoperte sul pianeta e restano uniti. Il vostro compito è separarli. Li afferrate e vi fermate per un attimo rendendovi conto che non si separeranno facilmente, perciò vi mettete in posizione da sollevatore di pesi: vi piegate, preparate i muscoli, afferrate ogni parte e cominciate a tirare ma le due parti non si staccano. Ora, espandete l’energia, estendete la vostra coscienza a qualunque cosa possiate per separare queste due parti l’una dall’altra.
Adesso voglio che mettiate un fermo immagine per un momento, voglio che manteniate fermamente questo quadro nella vostra mente: state facendo tutto ciò che potete, respirate a fatica, ansimate, sudate… Il magnete alla fine si scinderà usando la vostra forza di esseri umani, ma voglio che fermiate quest’immagine perché questa, amici miei, è la differenza fra energia 3D ed energia quantistica. L’essere umano è una macchina che è 3D e in questo particolare esempio cerca in tutti i modi che può di separare qualcosa mediante la forza.
Ora, cambiamo prospettiva e guardiamo che cosa fa il magnete: nulla! Tale tipo di forza è attiva 24 ore per 7 giorni. Il magnete ha una potenza incredibile, e voi state sudando per spezzarlo ed esso non fa nulla, se ne sta semplicemente lì. Miei cari, per molto tempo dopo che sarete morti, sarà ancora lì, sempre potente, senza fine, non ha bisogno di essere nutrito! È per sempre! Come potete spiegare questa cosa? Che tipo di potenza c’è lì dentro? Non c’è una fonte energetica, non c’è elettricità… soltanto magnetismo.
Vi ho appena dato la chiave per ottenere oggetti privi di massa. Arriverà da una fonte quantistica: la forza quantistica sarà il magnetismo. I magneti ottengono la loro potenza da una fonte quantistica che non sembra essere sul pianeta. È dovunque, è parte degli eteri dell’eliosfera del sole; è parte degli eteri sempre presenti  nell’interspazio delle strutture atomiche. Il magnetismo e la sua potenza vengono da una sorgente che non potete spiegare perché non è lineare. Quanti fisici hanno osservato il potere dei magneti e si sono grattati la testa? Sapete come usarli e non avete idea alcuna della provenienza della loro sorgente. Sbuffate, ansimate, usate tutta quell’energia 3D che ha bisogno di essere alimentata per separarle (le polarità), per spingerle, ed esse non se curano, sono per sempre, non si stancano!
Benvenuti nel futuro! C’è una tale disponibilità di energia che non ha bisogno di alimentazione 3D… Questa sarà la nuova frontiera. Quando riuscirete a fare questi tipi di cose senza trasformarle in armi… Questa è alta coscienza, ed è in arrivo! Sono esempi di ciò che può fare la coscienza elevata, della direzione in cui state andando perché c’è una connessione con la Sorgente Creativa che si aprirà e vi darà la benevolenza che meritate.
Queste cose non vi saranno date interamente, fintanto che la Terra è nell’attuale stato di squilibrio. Queste cose faranno pulizia, lo squilibrio diminuirà e lo percepirete, lo saprete. Verrà un giorno in cui ci saranno pochissime, pochissime uccisioni e molta più comprensione su questo pianeta: quando lo vedrete, semplicemente si apriranno le frontiere della fisica e come avviene per i magneti, per sempre si creerà per voi cibo, acqua, potenza energetica… e persino il ringiovanimento." Kryon


Nessun commento: